Vai al portale di ateneoTorna alla Homepage

Archivio digitale OMI-Reggiane

                                              

 

 

 

 

 

E' l'archivio digitale tecnico-storico dedicato all'attività delle OMI-Reggiane. Le OMI-Reggiane, o più semplicemente le Reggiane, furono l'azienda italiana, nata agli inizi del Novecento a Reggio Emilia, specializzata nella produzione di caldaie, macchine agricole, materiale ferroviario, impianti industriali e materiale aeronautico. L'archivio digitale contiene testi, manuali, disegni, relazioni, schede tecniche, fotografie, cartoline provenienti da archivi pubblici, quali l'Archivio Storico dello Stato Maggiore dell'Aeronautica, e da archivi privati.
L'archivio attualmente comprende due sezioni: la sezione aeronautica e la sezione ferroviaria.

Sezione aeronautica OMI - Reggiane
Il settore aeronautico delle OMI-Reggiane si sviluppò sul finire degli anni '30, dopo l'ingresso nella società dell'ing. Gianni Caproni che pianificò la progettazione e produzione dei velivoli da caccia della serie RE 2000-2005. L'attività aeronautica cessò nel 1944.
Informazioni tecniche e informazioni storiche: Paolo Riatti e Adriano Riatti

Sezione ferroviaria OMI - Reggiane
Le OMI-Reggiane si specializzarono sin da subito nella produzione di materiale ferroviario di ogni genere. Divennero famose sul finire degli anni '30 per aver prodotto le locomotive a vapore carenate del Gr. 683 per le Ferrovie dello Stato. La vastissima produzione ha spaziato dai locomotori elettrici trifase ed a corrente continua, a carri e carrozze di ogni genere, alle locomotive a vapore, agli impianti fissi quali piattaforme girevoli ferroviarie. L'ultima locomotiva elettrica prodotta uscì dalle Reggiane nel 1990, dopodichè la produzione ferroviaria venne abbandonata.
Informazioni tecniche e storiche: Alberto Sgarbi e Gabriele Savi

Indice degli archivi

L'archivio può essere consultato esclusivamente previo appuntamento, da richiedersi inviando una mail al seguente indirizzo: consulenza.biblioreggio@unimore.it e compilando l'apposito modulo.

 

 

[Ultimo aggiornamento: 08/03/2016 10:33:19]